mercoledì 5 ottobre 2011

Intro.

Tutto nasce dalla noia. La noia, si sa, è fucina di idee più o meno estemporanee e stravaganti; è motore, alimentatore e propulsore di soluzioni. Tutto pur di smuovere la stasi.
E così, un inizio autunno qualsiasi, dopo interminabili serate a fare zapping fra una partita di calcio e l'ultimo programma di cucina in tv, ecco che nasce l'idea: cucinare tutti insieme, filmarsi e, perchè no? Fare un blog.
Siamo sette al momento, ma il numero di partecipanti è aperto.
Tutti eravamo bambini negli anni ottanta.
Classe mista.
Un giorno a settimana, un pranzo o una cena (magari, chissà, un giorno faremo un brunch, un picnic, una maratona...).
Una sola cucina.
Ognuno con un suo piatto mai preparato prima. Ognuno alle prese con la sfida della novità. Nessuno di noi era uno chef prima d'ora. Lo stiamo diventando qui, sotto gli occhi di tutti.
Alla fine, lo scopo del gioco...è mangiare tutti insieme. Una volta tanto senza pizze da portare e senza mamme da ingaggiare.
Ready, steady, go!



5 commenti:

  1. il mio piatto si chiama bovino in agrodoòce

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia di pranzo/cena! Cucinare tutti assiem è uno dei piaceri della vita, secondo solo a mangiare tutti assieme. Vi terrò sotto controllo ;)

    RispondiElimina
  3. ho appena visto la vostra puntata su youtube. ahahaha siete divertenti. Bravi!!!
    Se posso vi do un paio di consigli che ho imparato sulla mia pelle: la prossima volta lasciatela raffreddare un pochino la torta prima di toglierla dalla teglia altrimenti si rompe tutta; se gli albumi non montano probabilmente è perchè c'è finito qualcosa dentro... un po' di tuorlo o magari le fruste non erano perfettamente pulite (quando mi succede butto tutto e ricomincio da capo).

    RispondiElimina
  4. @a piedi nudi sul divano: che bello! sei la nostra prima spettatrice! grazie per i consigli, era la prima volta che mi accingevo alla complicata attività pasticciere e pretendevo di montare albumi e zucchero INSIEME!!ormai ho studiato, so che se metto insieme albumi e zucchero ottengo glassa in potenza, ma all'epoca, ahimè! ero un'innocente ignorante incapace!
    la seconda volta che ho infornato la caprese, quella della ricetta direttamente da capri, ho usato carta da forno in teglia imburrata:-)

    RispondiElimina
  5. Grandi ragazzi! Anch'io ero bimba negli anni 80, anche se avevo due anni :D Bellissima idea, seguo con piacere i resoconti sulle vostre serate :)

    RispondiElimina